Willkommen auf der Homepage des Gailtaler Heimatmuseums!

Il castello di Möderndorf vicino a Hermagor

Möderndorf, un piccolo paese vicino a Hermagor lungo la strada di Egger Alm. Il castello di Möderndorf rispecchia la storia della parte centrale della valle del Gail, della valle del Gitsch e della valle del Lesach.
Circondato dalle case rurali, il castello attira l'attenzione dei visitatori per la sua forma cubica su tre piani.
Il tipo di costruzione permette di riconoscere diverse epoche stilistiche.

 

  • Siegelbaum (l´albero die syringodendron) di 300 milioni di anni, che proviene dalle Alpi Carniche
  • La Bibbia Luterana dell´anno 1541 (stampata a Hans Lufft) ecc.
  • una grande collezione di figure barocche di santi, di libri di preghiere e di oggetti religiosi
  • L´originale 'Kess´n (fienile) della valle del Gail' con attrezzi contadineschi

 


 

Il castello di Möderndorf e la sua storia

Il nome del castello fu documentato per la prima volta nell'anno 1331, come "nicolaus ecclesiasticus de moderendorf."
Nell'anno 1375 compare su un documento il nome di Oswald di Möderndorf e nel 1458 un Siegmund Weidegger, entrambi vassalli del conte di Gorizia.
Con la pace di Pusarnitz nel 1460 tutte queste proprietà goriziane caddero nelle mani dell'imperatore Federico III.
Gli Asburgho diedero in concessione il castello di Möderndorf ai conti di Salamanca-Ortenburg.
Nel Seicento si succedettero i signori di Rechbach, i Wiedmann e alla fine il principe Johann Ferdinand Porcia il quale comprò il castello, l'8 ottobre 1662.
Dopodiché il tribunale provinciale fu portato nel castello con tanti curati in carica. Circa a metà del secolo scorso il castello diventò proprietà della famiglia Waldner ed in seguito fu acquistato da Georg Essl.
Essl mise a disposizione lo stabile al Förderungsverein (l'associazione di promozione) del museo etnologico (museo dell' arte popolare) della valle del Gail, per la fondazione del museo.
Nell' anno 1982, vi erano ancora grossi danni nella struttura architettonica, il castello venne ristrutturato e rinnovato dall'associazione di promozione con l'aiuto della regione Carinzia e del comune di Hermagor - Pressegger See e di numerosi donatori.
Nel castello è sistemata l'importante raccolta della storia della civiltà della valle, messa a disposizione dalla famiglia Essl di Hermagor.
Inoltre il museo accoglie oggetti donati o concessi dall´intero distretto.
La raccolta della famiglia Essl fu iniziata dal vecchio Georg Essl a cavallo fra il IX - X secolo ed egli fu anche il fondatore del museo etnologico (museo dell' arte popolare).
Nell´anno 2000 il castello diventò proprietà del comune di Hermagor - Pressegger See. La famiglia Essl, che da sempre è stata una famiglia di negozianti e commercianti, fece dono die questo gioillo al comune di Hermagor. Il museo viene gestito interamente dal Förderungsverein Gailtaler Heimatmuseum.
Da sempre nella struttura economica del distretto di Hermagor il commercio e l'artigianato hanno avuto un ruolo importante. Per questo una parte significante del museo è dedicata all'esposizione degli attrezzi dell´artigianato di un tempo - testimonianza di antiche professioni, una volta importanti e che oggi non sono più in uso.

 


Guida alla visita della mostra

 

Piano terra
sala 1 geologia, mineralogia e industria mineraria
sala 2 Antichità / Alto Medioevo
sala 3 Sala dedicata a Georg Essl
Toilette, piano interrato
sala 4 La vita quotidiana premoderna
Primo piano
sala 5 Beni mobili, porcellane e pipe
Entrata/Uscita Caffè e cassa del museo
sala 6 Caccia e pesca, agricoltura e vecchie usanze della regione
sala 7 Storia della città e delle sue personalità
sala 8 Vecchie usanze della regione / Tradizioni e costumi
Secondo Piano
sala 9 Formazione musicale e reale
sala 10 Sala delle udienze - sede dell'amministratore della giustizia di allora
sala 11 archivio (documenti e scritti legali)
sala 12 Sistema scolastico / Scuola elementare
sala 13 Arte sacra
Terzo Piano
sala 14 Storia delle forze esecutive
sala 15 Tessuti
sala 16 Lo sviluppo degli Sport alpini
sala 17 Alpicoltura, cucina affumicata
sala 18 Deposito degli attrezzi

 Quattro Piano
Salone delle feste e la sala espozione


 

Oraria di apertura 2019


pre e bassa stagione 
Il museo è aperto dal 30 Aprile fino al 28 giugno è dal 10 settembre al 11 ottobre con il seguente orario:
da martedì a venerdì dalle ore 10 alle 17
sabato, domenica è lunedi sono giorni di riposo

alta stagione
dal 02 luglio al 08 settembre 
da martedì a domenica dalle ore 10 alle 17
lunedi è il giorno di riposo 

Prenotazione per le visite: tel. 04282-3060
Sconto all'ingresso con Gästekarte (carta ospite), sconto gruppi a partire da 15 persone

 



I moduli per diventare membri del Förderungsverein si trovano nel museo e nelle banche del paese. La quota annuale è di EURO 17,- con cui Lei favorisce la manutenzione del museo etnologico (museio dell´arte popolare) della valle del Gail.